Hype ricarica contanti come fare? Costi e funzionamento

Con Hype la ricarica in contanti non è una vera e propria novità. Anzi, fin dal lancio era stata prevista la possibilità di provvedere alla ricarica in contanti tramite le filiali di Banca Sella.

logo hype

Detto questo nel 2020 ci sono stati degli importanti cambiamenti, che se da un lato hanno visto proprio l’esclusione di questa ‘corsia’ (non essendo più possibile riferirsi proprio alle Agenzia Sella) dall’altro hanno aperto altre strade che hanno ‘moltiplicato’ le alternative con le quali provvedere proprio alla ricarica di Hype con soldi liquidi.

Quali sono le possibilità?

 

Entriamo ora nel particolare della proposta al 12 aprile 2021 che vede come alternative per fare la ricarica in contanti con Hype le seguenti possibilità:

  • i supermercati (dei gruppi PAM, Panorama, Pam Local, Penny Market e infine Carrefour);
  • i punti vendita SisalPay.

Come vedremo più ampiamente tra poco sia che si vada a un supermercato o si preferisca provvedere presso un tabaccaio la procedura risulta abbastanza semplice, ma ovviamente presenta dei costi (che sono invece assenti con altre scelte di ricarica). Vediamo tutto nel particolare.

Come fare la ricarica dai punti vendita SisalPay?

Per accedere a questa modalità si può andare dal tabaccaio (vedi carta prepagata ricaricabile in tabaccheria), ma anche bar, edicole ed esercizi abilitati ai servizi SisalPay (sono circa 50 mila su tutto il territorio nazionale). Con questo canale il vantaggio è dato dall’ampia capillarità, che rende questa via accessibile anche a chi vive (o va in vacanza) in piccoli centri urbani.

Come fare dunque la ricarica? Una volta trovato un punto SisalPay (che può essere individuato usando anche la mappa di ricerca presente sul sito ufficiale Hype) si deve entrare nell’area personale (loggandosi) e nel menù della home entrare nella funzione Ricariche, e da qui selezionare nel sottomenù quella della Ricarica in contanti.

Si deve scegliere la somma che si vuole ricaricare, quindi dando la conferma, l’app genererà un codice QR code che va esibito all’esercente che dovrà scannerizzarlo. A questo punto sarà possibile consegnare la somma in contanti da ricaricare. Una volta conclusa l’operazione, l’importo ricaricato sarà subito disponibile sul conto di Hype.

Come fare la ricarica al supermercato?

 

Il sistema è simile a quello visto per SisalPay. Anche in questo caso si deve scegliere un supermercato convenzionato (per trovarlo si può usare sempre la mappa di ricerca presente sul sito o sull’app). Quindi una volta arrivati alla cassa si dovrà accedere all’area personale e entrare nella funzione ricarica in contanti. Anche in questo caso bisogna indicare l’importo da ricaricare e dare conferma.
immagine cellulare con l'app di hype e carta di pagamento
L’app genererà sempre un codice a barre, che va mostrato al cassiere per la sua lettura. Consegnati i soldi corrispondenti alla ricarica voluta e conclusa la procedura con l’uso della cassa, anche in questo caso si otterrà la somma a saldo disponibile nel proprio conto Hype.

Come si può vedere, in entrambi i casi il sistema è semplice da utilizzare, ma bisogna sempre tener conto dei limiti sia di importi ricaricabile (che sono diversi rispetto a quelli previsti da altri canali) e del costo che ogni operazione di ricarica prevede. Approfondiamo insieme anche questo punto.

Limiti di ricarica

L’importo minimo che può essere ricaricato in contanti è uguale a tutti i profili/conti Hype: sempre 20 euro. Invece sull’importo massimo troviamo varie differenze a seconda del conto di cui si è titolari:

Limiti
Start
Next
Premium
Limite max ricaricaricabile in un giorno
150,00€
250,00€
250,00€
Limite max ricaricaricabile in un mese
300,00€
500,00€
500,00€
Limite max ricaricaricabile in un anno
1.000,00€
6.000,00€
15.000,00€

Infine abbiamo le differenze dovute anche al costo associato a ciascuna operazione presso ‘i punti convenzionati’ sempre seguendo il profilo (il costo diminuisce con l’aumento di livello di profilo):

  • conto Start: 2,50€;
  • conto Next 2,00€;
  • conto Premium 1,60€.

(Fonte: sito ufficiale Hype – Data: 12 aprile 2021)

Come funziona da Atm?

In Italia a oggi sono pochi gli sportelli Atm che permettono di effettuare dei ‘versamenti’ tramite lo sportello automatico, e quelli disponibili sono associati in via eslusiva a specifici gruppi bancari (parliamo di bancomat definiti ‘evoluti’). Con Hype che non rientra in questa casistica, fare la ricarica in contanti da Atm non è quindi possibile anche se solo in maniera diretta.

Se si vuole procedere alla ricarica del conto Hype presso uno sportello automatico bisogna infatti avere un’altra carta di pagamento diversa da quella Hype che si vuole ricaricare appartenente al circuito Pagobancomat. Invece per quanto riguarda l’Atm, non è prevista una restrizione sui gruppi bancari, ma è necessario che la banca alla quale appartiene lo sportello automatico sia collegata al QuiMultiBanca.

Anche se indiretta e non propriamente ‘in contanti’ si tratta di un’ipotesi da valutare in quanto così come avviene per la ricarica in contanti vera e propria la disponibilità della somma ricaricata è istantanea, ma si hanno in più massimali più elevati e anche la gratuità dell’operazione.

Come procedere su Atm?

Si deve scegliere un Atm, come detto, collegato a QuiMultiBanca. Si deve inserire la carta di debito Pagobancomat nell’ATM e selezionare la voce sul monitor “Ricarica prepagata“.

Quindi va inserito il numero della carta Hype da ricaricare e data la conferma. Quando richiesto è logicamente necessario inserire il pin della carta Pagobancomat dalla quale far partire il trasferimento/ricarica. Anche in questo caso si deve dare la conferma e poi scegliere il taglio di ricarica (si può scegliere solo uno tra i tagli proposti).