Assicurazione rc cani: è ancora obbligatoria?

E’ ancora obbligatorio procedere all’assicurazione rc dei propri cani? Quali sono le nuove linee guida? Quali polizze preferire.

Nel 2003 furono stilate delle liste riguardanti le razze a “rischio”. Tutte le razze canine che il Ministero aveva inserito dovevano essere assicurate con un’apposita polizza Rc obbligatoria. Nel 2009 questa obbligatorietà è stata superata, stabilendo che l’obbligo della stipula di un’assicurazione per cani vale solo per i proprietari di animali che hanno dato segnali di potenziale pericolosità.


Quando occorre stipularla?

Il veterinario, che ravvisi ipotesi di rischio di pericolosità o aggressività è tenuto all’inserimento del cane (quindi non più in riferimento alla razza) in un apposito registro. Il proprietario del cane deve provvedere quindi alla stipula della polizza Rc che diventa “obbligatoria”.

Senza questa segnalazione rimane comunque facoltà dei proprietari decidere di stipulare un’assicurazione per cani, potendo scegliere tra differenti tipi di copertura, che possono prevedere solo la parte di responsabilità civile verso terzi, solo le spese sanitarie, o combinare entrambi gli aspetti. Tali assicurazioni sono disponibili anche online, con costi comunque generalmente molto competitivi (vedi anche A cosa serve la ricevuta di pagamento).

Quanto costa?

Per la sola componente della “responsabilità” civile il costo dipende soprattutto dal massimale che si sceglie per la copertura. In genere si parte da poche decine di euro per una media di 30 euro/50 euro all’anno. Alcune compagnie permettono di pagare il premio semestralmente (vedi anche Calcolo premio RcAuto).

Se si vuole avere un’assicurazione completa allora si deve aggiungere la copertura delle spese veterinarie. Anche qui i premi sono molto variabili, perché dipende dal tipo di “spese” sanitarie che vengono incluse. Nonostante queste assicurazioni siano sempre facoltative, visto il rischio di dover pagare delle fatture molto salate, vanno sempre prese in considerazione (specialmente per alcune razze che sono più a rischio di interventi chirurgici).

Nel caso si sia ‘padroni’ di un cane e di un gatto, o in generale di più di un animale domestico, si devono preferire quelle che assicurano il “proprietario” per le spese sanitarie e non il singolo animale. Per la parte Rc non ci sono invece problemi, dal momento che, in queste polizze, ad essere assicurato è sempre il proprietario, includendo quindi tutti gli animali che possiede.

Esempi

La maggioranza delle compagnie di assicurazione (come Mediolanum, Unipol, Generali, ecc) ha polizze rc dedicate anche agli animali. Se però si desiderano assicurazioni per cani più complete, allora ci si deve rivolgere a prodotti realmente specifici.

Ad esempio c’è la Dottordog che è disponibile in tre versioni con carattere modulare. Permette di fare un preventivo online e presenta discreta personalizzazione, comprendendo anche le spese di ricerca in caso di smarrimento, tutela legale, sanitaria, ecc.