Nexi Pay: cos’è e come funziona

Nell’era di servizi come Apple Pay, Google Pay e Samsung Pay non poteva mancare un’app dedicata ai titolari della carte Nexi. Si chiama Nexi Pay ed è disponibile per i sistemi operativi Android e iOs.

A differenza dei wallet menzionati, parliamo di un’app con varie sfaccettature connesse all’utilizzo delle carte di credito Nexi e recentemente è stata anche tra le app protagoniste dell’abilitazione del cashback di Stato senza Spid ed app IO, quindi ha fatto molto parlare di sé. Vediamo cos’è nel dettaglio e come funziona.

nexi pay app

Cos’è?

Come abbiamo già detto, Nexi Pay è un’app che va installata sul proprio smartphone. Come requisiti minimi sono necessari (Fonte: Google Play/Apps Apple – Data: 10 gennaio 2021):

  • sistema operativo iOs dalla versione 11.0 o successive;
  • sistema operativo Android dalla versione 5.0 o successive.

Una volta installata, si effettua il login tramite le credenziali che si utilizzano per entrare nella propria area personale da Pc e si potranno quindi controllare i pagamenti fatti con le carte, abilitare la funzione cashback di Stato, sfruttare la modalità di rateizzazione, attivare la funzione spending control e molto altro ancora.

Si potranno ad esempio personalizzare i sistemi di notifica e stabilire quali pagamenti possono essere fatti con una o più carte (per esempio l’abilitazione e la disabilitazione dei pagamenti on line). All’interno dell’app convoglieranno infatti tutte le card Nexi di cui si è titolari, a prescindere dal conto o dall’istituto di credito.

Sicurezza di accesso

Il sistema di accesso con login a Nexi Pay è già molto sicuro ma può comunque essere rafforzato dai sistemi di sicurezza previsti dal proprio device, come i riconoscimenti biometrici (fingerprint o touch, riconoscimento facciale). Si tratta comunque di scelte personali e vincolate al tipo di device che si utilizza.

Ribadiamo che senza questi sistemi è previsto il login con username (e-mail di registrazione e password inserita in fase di registrazione) anche se la sicurezza è aumentata dal ‘collegamento’ che avviene con la sim che è installata sul device stesso. Alla pari delle app per gestire l’home banking, non è quindi possibile scaricare e loggarsi su due sim/device diversi.

nexi pay logo

Come funziona?

Partiamo dal presupposto che l’app Nexi Pay sia già stata installata sul proprio device. Facendo tap sull’icona dell’app si apre la pagina che ci chiederà di usare il tipo di password scelta. Inserita la password (o l’impronta o il riconoscimento facciale) si completa il login e quindi si entra nell’area personale (si deve cliccare Entra che si trova in basso al centro).

La prima cosa che vediamo è l’immagine delle carte Nexi di cui si è titolari. Cliccando su quella per la quale si vogliono avere informazioni si accede in primis alla pagina del riepilogo delle spese contabilizzate e quindi anche all’indicazione del plafond che si può ancora usare. Bisogna fare attenzione alle ultime 4 cifre per capire quale carta stiamo guardando, poiché tutte quelle precedenti, per ulteriore sicurezza, non sono visibili.

All’interno della pagina dedicata alla carta scelta troviamo tutte le altre funzioni (Data: 10 gennaio 2021):

  • visualizza il Pin della carta;
  • cashback di stato;
  • la raccolta punti IoPlus (che va eventualmente attivata cliccando sempre su questa funzione);
  • le varie spese fatte negli ultimi movimenti (la ricerca può essere poi affinata controllando per ‘mese);
  • rateizzazioni (qui si potrà sia rateizzare che vedere le rate in corso o controllare le rate già estinte);
    ultimi estratti conto.

Nella striscia in basso troviamo invece il link alla home, la funzione che ci permette di ‘gestire’ le personalizzazioni, il servizio chiamato Paga (per ricaricare il cellulare o le carte prepagate) e di nuovo un link per la raccolta punti di Nexi.

Infine troviamo anche la funzione ‘contattaci’ per accedere al servizio di assistenza. Oppure si potrà consultare la sezione delle Faq (per trovare gli argomenti si possono inserire parole chiave nello spazio che si trova vicino alla lentina che indica la parte della ricerca).

nexi pay esempio

La sezione Gestisci

Nella sezione ‘Gestisci’ troviamo tutte le funzioni legate alla personalizzazione dell’uso della carta, con un occhio di riguardo alla sicurezza. Qui è infatti possibile:

  • accedere al servizio di pausa attraverso cui rendere inattiva per 48 ore la card (il blocco vero e proprio deve invece essere effettuato
  • chiamando i numeri dedicati visibili sempre in questa sezione);
  • impostare i vari avvisi di sicurezza legati all’impiego della carta di credito;
  • attivare le funzioni biometriche;
  • attivare la funzione 3D Secure.

Sempre nella sezione Gestisci sarà possibile indicare come si vogliono ricevere gli estratti conto mensili.

Lo Spending Control

È il servizio che consente di personalizzare gli importi da spendere e dove eventualmente poterli spendere (per esempio in modo fisico oppure on line). In più si possono abilitare o disattivare i pagamenti per area geografica (tra Italia, Europa e Mondo) ed escludere alcune categorie merceologiche di impiego (per esempio le scommesse e il gioco).

Come pagare con lo smartphone

L’app Nexi Pay permette anche di collegare la propria carta di credito con Apple Pay, Samsung Pay o Google Pay per pagare con il proprio device se quest’ultimo è dotato di tecnologia NFC.

Per tutti e tre i wallet è sufficiente accedere a Nexi Pay, selezionare la carta da iscrivere e toccare il pulsante “Aggiungi a …” che riporterà direttamente il nome del wallet di pagamento a seconda del device posseduto (Samsung Pay per smartphone Samsung, Google Pay per Android e Apple Pay per iOs).

Altrimenti, puoi svolgere la stessa operazione direttamente dall’app del portafoglio elettronico seguendo la procedura ‘standard’.