Conviene la carta prepagata con iban Crédit Agricole Cariparma?

Il numero di banche che sta ampliando l’offerta degli strumenti di pagamento, dotandosi delle carte di ultima generazione, sta diventando sempre più elevato. Si tratta delle carte prepagate dotate di codice Iban, note anche come conti correnti “tascabili” per il fatto che oltre a consentire le classiche funzioni tipiche dei bancomat, di acquisto e prelievo, permettono una gamma più o meno completa di servizi per la gestione degli incassi (come ad esempio l’accredito della pensione o dello stipendio).

Tra le banche che prevedono questo tipo di prodotto, c’è anche Crédit Agricole Cariparma, che prevede l’emissione della carta prepagata “CartaConto” che appartiene al circuito Mastercard. Come tutte le carte prepagate ricaricabili offre il vantaggio di non necessitare di un conto corrente di appoggio e quindi può essere richiesta ed utilizzata anche da coloro che non vogliono un vero e proprio conto corrente.

logo credit agricole cariparma

In che cosa Carta Conto è diversa dalle altre prepagate ricaricabili

La parte più interessante (in positivo e negativo) è quella legata ai costi, fissi e variabili, applicati. Un punto a favore è rappresentato dalla possibilità di azzerare il canone mensile (pari a 1 euro tranne che per gli under 28 anni per i quali il costo del canone è dimezzato) anche con un solo movimento attivo: ovvero una ricarica, o un accredito mensile fisso (come pensione o stipendio).

Invece non brilla in convenienza la scelta di richiedere una commissione di 2,50 euro per i prelievi fatti tramite gli sportelli delle filiali, mentre nel caso dei prelievi presso gli ATM del gruppo non sono previsti costi aggiuntivi (se fatti presso ATM di altre banche in euro il costo è comunque inferiore, poiché si ferma a 2,10 euro).

esempio carta conto credit agricole

Anche sotto il profilo della operatività, il servizio risulta limitato rispetto ad altre carte concorrenti (ad esempio non è disponibile il servizio di pagamento del canone Rai mentre i pagamenti verso la Pubblica Amministrazione hanno un costo di 3€ allo sportello o 1,50€ tramite internet ). Rimane invece positivo il fatto che questa carta non prevede l’applicazione di costi di emissione, a meno che non si desideri richiedere anche la versione PaySmart, che al rilascio costa 5€.

Ci sono anche altre scelte molto particolari che riguardano tre ambiti differenti:

  • al momento del rilascio la carta è abilitata esclusivamente agli acquisti in Europa, ma è possibile attivare l’Opzione Mondo per prelevare e pagare in tutto il mondo;
  • attivando l’Opzione Internet la carta sarà abilitata agli acquisti online;
  • con l’attivazione del servizio di Sms riceverai un messaggio di notifica ogni qual volta verrà autorizzata una spesa di importo superiore al limite da te impostato.

In tutti e tre i casi l’opzione va però esercitata in modo esplicito attivando il servizio, altrimenti l’utilizzo della carta è molto limitato.

Quali sono gli aspetti positivi legati all’uso della Carta Conto di Crédit Agricole Cariparma?

In conclusione il principale aspetto positivo della ‘Carta Conto’ è rappresentato dalla convenienza della gestione della carta tramite internet (ad esempio i bonifici effettuati online verso la stessa banca sono gratuiti, verso altre banche prevedono una commissione di 0,57€), soprattutto se confrontata con alcune offerte analoghe di banche concorrenti, mentre diventa molto costosa nel caso in cui la gestione e gli ordini di pagamento vengano effettuati attraverso gli sportelli, con un costo che arriva anche a 3,60 euro ad operazione.

PaySmart Carta Conto: cos’è e quanto costa?

La Carta Conto Crédit Agricole Cariparma non è abilitata ad ApplePay o ad altri sistemi simili di mobile payment, ma la casa emittente ha ovviato a questa mancanza creando la PaySmart. Si tratta di una versione della carta ridotta nelle dimensioni, che può essere applicata come uno sticker al retro dello smartphone, in modo tale da poter effettuare i pagamenti presso i negozi abilitati al contactless senza bisogno del portafoglio, ma semplicemente avvicinando il device (e quindi la mini carta) al POS ( approfondimento: Carta abilitata ad effettuare pagamenti contactless).

Attenzione, però, tale carta non può essere utilizzata per prelevare contanti presso gli ATM in quanto appunto più piccola di una carta standard e di materiale differente. Per sfruttare appieno le potenzialità della Carta Conto occorre dunque avere entrambe le versioni, che ricordo avranno due iban differenti e quindi PIN differenti.

Per ottenere la PaySmart basterà recarsi presso una delle filiali di questo istituto bancario sostenendo un costo di emissione pari a 5 euro.


Ultimo aggiornamento: 28 agosto, 2019