Come acquistare azioni: strategia e non casualità

Come e quando conviene comprare le azioni, come leggere i segnali del mercato e soprattutto come massimizzare i propri profitti senza lasciarsi prendere dall’ansia? Quali sono gli sbagli più frequenti?

Prima di fare un investimento dovrei pormi due domande:

  • Perché dovrei comprare proprio questo strumento finanziario?
  • Qual è l’obiettivo che voglio raggiungere (sia come livello di rischio che possono e voglio affrontare, e soprattutto come rendimento che vorrei ottenere)?

Questo approccio deve essere alla base anche della definizione di una strategia di investimento e diventa molto utile nel caso in cui si stia pensando di comprare azioni.


Tre cose da non fare quando si decide di comprare azioni

La prima cosa da non fare assolutamente è quella di scegliere quali azioni comprare, dando ascolto ad amici, parenti, oppure ispirandosi alla fortuna esternata da un internauta in un qualche forum (vedi Giocare in borsa). Di per sé comprare azioni (anche online) come Google, Apple, Eni, ad esempio, non mette al sicuro da possibili perdite di valore dell’investimento, e non è detto che offrano un guadagno assicurato “nei tempi” che ci si è concessi.

Da qui deriva la seconda cosa da evitare: avere tempi flessibili per gli investimenti, soprattutto azionari, procedendo comunque ad una attenta diversificazione (ovvero non concentrarsi per una sola tipologia, ad esempio solo tecnologici, e tanto meno per singolo tipo di azione, ovvero solo Google, ecc).

Infine non bisogna mai investire più del 10 o 20% dei propri risparmi nell’azionario (vedi Come investire in borsa).

Come scegliere le azioni da comprare?

Comprare azioni non è come acquistare un gratta e vinci o fare una scommessa, perché non si tratta di un’operazione che rimette l’esito dell’investimento in tutto o almeno in parte alla fortuna. Quindi bisogna acquisire informazioni sulle azioni che interessano (il trend nel corso degli anni, i dividendi pagati e se in modo più o meno regolare, se ci sono operazioni rilevanti da parte della società, come fusioni, lancio di prodotti, problemi legali, ecc).

Come passo successivo va considerato l’acquisto delle azioni all’interno di una strategia di diversificazione con gli altri investimenti, non privandosi mai di una certa liquidità, per far fronte alle emergenze.

Comprare azioni e guadagnare si può?

Plus500

Nelle fasi in cui i mercati perdono il passo, e le azioni perdono valore, i risparmiatori vanno incontro a delle perdite sicure se hanno investito in azioni? Nella pratica spesso ciò accade, ma non per colpa del valore attribuibile allo strumento in sé, ma per l’atteggiamento sbagliato dell’investitore stesso che, per cercare di ridurre le perdite, pensa a disinvestire.

Infatti fino a quando si mantiene l’investimento di fatto non si ha alcuna perdita, ed anzi, acquistando in perdita (quindi seguendo una strategia contraria a quella usualmente seguita), si possono aumentare gli effetti sui possibili guadagni futuri.

Un buon sistema per comprare azioni, senza dover scegliere in modo meticoloso ogni singolo titolo da negoziare con il proprio conto trading è quello di acquistare piani di accumulo già pronti (vedi Pac Poste), oppure usare la stessa logica su una serie di titoli di interesse, procedendo con acquisti regolari periodicamente, da intensificare proprio nelle fasi di ribasso del mercato. Quando invece si è di fronte a una fase fortemente rialzista bisogna pensare di rallentare gli acquisti.