Investire in borsa è davvero un gioco?

Investire in borsa del denaro non dovrebbe mai rappresentare un vero e proprio gioco soprattutto per quanto riguarda l’approccio da utilizzare nel momento in cui si decide di iniziare a giocare in borsa. Quali sono perciò i primi aspetti da considerare e valutare?

Riuscire a trovare una buona collocazione per i propri risparmi è una scelta seria. Ma allora perché spesso per gli investimenti finanziari, si usa la frase “giocare in borsa”? Si tratta di una definizione con la quale venivano bollati coloro che tentavano la fortuna facendo investimenti in borsa, usando una logica da gioco d’azzardo.


Un atteggiamento che continua a perdurare tra una porzione di investitori che è diventata però sempre più ristretta, e che comunque continua a rimanere errato. Infatti bisogna comprendere che il giocare in borsa rappresenta una scelta seria, che richiede disciplina finanziaria, supportata da un minimo di informazione, non per l’uso delle piattaforme di trading (ormai quasi tutte sono semplici ed intuitive), ma proprio per le scelte operative da mettere sul campo.

In particolare coloro che promettono di fornire dei trucchi infallibili per fare soldi in borsa senza correre rischi vanno visti con grande diffidenza.

Giocare in borsa on line: quali i vantaggi?

Plus500

Sicuramente la maggiore libertà con cui operare, disporre ordini di vendita ed acquisto, e procedere al ribilanciamento del proprio portafoglio in tempi molto rapidi, sono tutti aspetti fondamentali per un trader di successo (ovvero per la realizzazione di investimenti che riescono, nel loro complesso, a condurre verso dei guadagni). Il tutto senza limitazioni di orario e molto spesso anche con minori restrizioni sulle possibili azioni, opzioni, futures, o altri tipi di strumenti acquistabili.

Un altro aspetto da non trascurare è rappresentato soprattutto dai costi, dal momento che la maggior parte delle banche italiane e straniere, nel caso del trading online tramite i propri conti, applica sconti che possono arrivare anche al 50% sulle commissioni altrimenti applicate.

Può essere utile giocare in borsa ‘per finta’?

Il discorso si fa un po più complesso se viene fatta la distinzione tra il conto trading demo (vedi Piattaforma trading demo) proposto dalle varie banche o broker, per far apprezzare la qualità del proprio sistema, rispetto ai programmi online che funzionano un po come dei veri e propri “fantaborsa”, ovvero permettono di fare delle simulazioni che possono essere utili per creare un proprio portafoglio e sperimentare le proprie conoscenze, progressi, e valutare la qualità della strategia di trading.

Si tratta quasi sempre di prodotti che permettono di giocare in borsa gratis, anche se vanno valutati per quello che sono, ovvero come mezzi di sperimentazione, senza voler poi trasporre ciò che sulla carta sembra funzionare molto bene, in modo perfettamente fedele, nel momento di investire realmente sfruttando un reale conto titoli.