Conto corrente online carta credito: Widiba, Hello Bank e CheBanca

Chi vuole un conto corrente online con carta di credito oggi può contare su un’ampia offerta. Nella scelta del prodotto più adatto alle proprie esigenze, si devono valutare ad esempio:

  • i costi associati alla gestione del conto e della carta di credito: difficilmente infatti sia il canone del conto che della carta sono gratuiti;
  • i requisiti previsti per il rilascio della carta di credito.

Quali caratteristiche hanno i conti online con carta di credito?

Il conto corrente online (con o senza carta di credito) oggi è un prodotto pensato per coloro che cercano un modo per risparmiare sui costi di gestione del rapporto bancario e che, allo stesso tempo, vogliono un prodotto completo. Per questo oltre alla possibilità di poter abbinare la carta di credito spesso si tratta di prodotti che permettono anche di associare un fido, la richiesta di un mutuo o di un prestito, od ancora un conto deposito o un conto titoli.

Dal punto di vista dei costi collegati alla tenuta del conto corrente online, della carta di credito o degli altri servizi associati, non c’è una vera uniformità di trattamento tra le diverse banche online. Proprio per questo è necessario ‘controllare’ tra le offerte più popolari e vedere quale è quella che meglio risponde al tipo di servizio desiderato in funzione dei costi connessi. A riguardo possiamo considerare vari esempi tra cui CheBanca, Hello Bank e Widiba.

CheBanca: con carte ad ampio plafond e canone azzerabile


Il conto corrente online di CheBanca in apertura è “senza carta di credito”. Questo significa che la richiesta della carta di credito va fatta in un secondo momento, in quanto bisogna maturare dei requisiti minimi rappresentati da:

  • aver maturato un’anzianità di almeno 3 mesi dall’apertura del conto corrente;
  • avere 3 mila euro di giacenza media oppure aver disposto l’accredito dello stipendio sul conto stesso.

Queste condizioni sono legate al fatto che la carta di credito di CheBanca può arrivare ad un plafond molto elevato (fino a 20 mila euro ed a partire da mille euro). Ricordiamo che si tratta di una credit card a canone azzerabile al raggiungimento di 5 mila euro di spesa annua, altrimenti il canone è pari a 24 euro annui. Il circuito è Mastercard.

(Fonte: sito ufficiale CheBanca – Data: 18/07/2018)

Hello!Bank: conto online e carta di credito senza canone


La carta di credito di Hello Bank abbina al conto corrente online con carta di credito senza canone. Il plafond massimo può arrivare fino a 5 mila euro (minimo 750 euro). Anche per la Hello!Card la richiesta di apertura del conto corrente online non può essere contestuale a quella della carta di credito, considerato che tale richiesta va fatta dall’area riservata dell’internet banking, per cui c’è bisogno che il conto risulti già aperto per potervi accedere. Il circuito è MasterCard.

(Fonte: sito ufficiale Hello Bank – Data: 18/07/2018)

Widiba: a scelta Visa o MasterCard


Ancora una volta la richiesta di apertura del conto corrente online è interamente paperless ed anche in questo caso si può abbinare una carta di credito al conto. Tuttavia bisogna aver raggiunto alcuni requisiti minimi come ad esempio una giacenza di almeno 3 mila euro o accrediti ricorrenti di almeno 800 euro. In questo caso il canone della carta di credito è di 5 euro ogni trimestre per la versione Classic con plafond di 1500 euro.

(Fonte: sito ufficiale Widiba – Data: 18/07/2018)

Come scegliere?

Come si nota da questi esempi non sempre i costi bassi associati al conto corrente online portano a una carta di credito ugualmente gratuita.

Carte prepagate con e senza Iban: una valida alternativa?

Il problema se aprire o meno un conto corrente online per avere più facilmente la carta di credito spesso è affrontato nel modo sbagliato: non è detto che seguendo questa strada sia automaticamente più facile (oppure più difficile) ottenere la carta di credito.

Proprio per questo prima di aprire un conto solo per ‘ottenere’ una carta di credito è possibile valutare l’alternativa rappresentata dalle carte ricaricabili con elevato plafond, le quali però ovviamente non funzionano come le normali carte di credito, in quanto le spese sostenute vengono via via decurtare dal plafond ricaricato o disponibile sulla card.

Di contro si tratta sempre di metodi di pagamento elettronico, che possono essere usati per fare acquisti (anche online) oltre che prelievi. Le carte ricaricabili hanno il vantaggio di non prevedere una valutazione del merito creditizio del richiedente e quindi i tempi per ottenerle sono generalmente brevi. In molti casi le formalità si riducono a una semplice richiesta effettuata online.

Se invece si sta cercando un unico prodotto che possa rappresentare un sistema di pagamento ed allo stesso tempo permettere una funzionalità simile ad un conto corrente (bonifici, pagamento bollette, accrediti o addebiti ricorrenti, ecc) allora sarà la scelta di una carta ricaricabile dotata di Iban (la cosiddetta carta conto) a rappresentare una valida alternativa. Soprattutto se associata ad un valido ‘servizio’ di internet banking, rappresenta infatti una soluzione capace di contenere i costi ed avere sotto controllo la propria situazione finanziaria. Non solo in alcuni prodotti è inoltre possibile:

  • personalizzare il plafond di spesa (aspetto che capita sia nel caso di privati con Hype e per le carte ricaricabili aziendali con Soldo Business (approfondimento: Carta conto aziendale);
  • ottenere anche altre carte ricaricabili associate ad un solo Iban, come con Viabuy, così da superare il limite dell’impossibilità di cointestazione che hanno normalmente le carte prepagate.

Approfondimento: Carte con iban gratuite.

Conclusioni

Oggi le soluzioni sono talmente numerose che si rischia di perdere l’orientamento. Proprio per questo bisogna partire stabilendo ciò di cui si ha veramente bisogno tra una semplice ricaricabile, una carta conto od una carta di credito legata ad un conto corrente online. Fatto questo, il passaggio successivo, ovvero quello della scelta vera e propria tra le varie proposte in commercio, diventa più semplice.