Conto Italiano Pensione Monte dei Paschi: a chi conviene?

La maggior parte dei conti correnti dedicati ai pensionati, offre servizi essenziali, con condizioni economiche quasi tutte esenti dal pagamento di commissioni o costi fissi, in linea con quanto offerto dal classico libretto postale sfruttato con le stesse finalità.

Con il suo Conto Italiano Pensione, Mps invece fa una scelta in contro-tendenza, offrendo un conto corrente completo, con alcuni servizi evoluti, ma senza dimenticare le esigenze specifiche che può avere la vasta platea dei pensionati, a partire dall’assicurazione contro scippo o rapina, in caso di prelievo di contante, che copre fino a 550 euro (se il sinistro avviene entro due ore dal prelievo stesso).

Oltre al servizio di un conto corrente tradizionale si ha l’attivazione del servizio di multicanalità, con accesso e gestione online, in modo gratuito (vedi anche Trasferire conto corrente). Tuttavia questo è un conto corrente a canone, per il quale Mps ha stabilito una cifra agevolata, ma sicuramente non a canone zero.

Riepilogo condizioni

BancaMonte dei Paschi di Siena
Nome ContoConto italiano pensione
Canone annuo48,00 euro
Tasso creditore0%
Numero verde800414141

Requisiti, costi e caratteristiche

Il Conto Italiano Pensione può essere aperto solo da coloro che presentano la certificazione che attesta il percepimento di una pensione pubblica (praticamente di tutti gli enti e non solo Inps), e che faccia l’accredito dei propri emolumenti sul conto stesso.

Il canone ha un costo di 4 euro mensili, e comprende le operazioni illimitate e la liquidazione delle competenze trimestralmente. Tuttavia non è garantita alcuna remunerazione sulle somme lasciate in deposito sul conto, aspetto negativo in parte compensato dalle commissioni agevolate per chi ha titoli o altri investimenti.

Il bancomat, Mondo card, ha un canone che, fin dal primo anno, è pari a 16,50 euro. Questa carta di debito permette un massimale di impiego pari a 7500 euro giornalieri e fino a 8500 euro mensili mentre per i normali prelievi si scende rispettivamente a 500 e 1500 euro.

Anche la carta di credito ha un costo medio-alto: se si sceglie la carta di credito Mps monofunzione il canone annuale è di 33 euro, mentre per quella multifuznione si sale a 40 euro annui. La domiciliazione delle utenze non prevede l’applicazione di costi, ma i bonifici, a seconda del canale scelto, richiedono un contributo di 0,65 euro se fatti online su altro conto mps (altrimenti 1 euro), fino a 3,75 euro se da altro canale (4,50 euro se extra gruppo).

Vantaggi per i pensionati

Oltre alle agevolazioni applicate sugli investimenti, che sono legate a un sistema di sconti, e alla partecipazione al programma fedeltà, il vantaggio più apprezzabile risiede nell’anticipo dell’ammontare della pensione fino a 6 mensilità. Per il resto rappresenta un conto non economico (vedi anche Numero conto corrente), ma che può costituire un’alternativa discreta per chi necessità di un rapporto bancario che non rientra proprio nella media.


Ultimo aggiornamento: 7 ottobre, 2015