Conoscere i fondi Bancoposta: info utili

I fondi Bancoposta rappresentano una forma di investimento offerta da Poste Italiane. Ma cosa sono, quali sono le caratteristiche principali e, soprattutto, cosa sapere per una scelta oculata e consapevole?

I fondi bancoposta sgr sono strutturati su un’offerta di base, che prevede nel particolare:

  • un fondo monetario;
  • un fondo obbligazionario con durata a breve termine;
  • un fondo obbligazionario con durata a medio/lungo termine;
  • un fondo misto;
  • un fondo bilanciato;
  • un azionario area euro e un azionario internazionale.

I fondi sono gestiti dalla società bancoposta sgr (che è appunto una società di gestione del risparmio), mentre di fatto il distributore dei fondi bancoposta è Poste Italiane spa.


Caratteristiche dei fondi bancoposta

La presenza dei fondi bancoposta è una risposta alle esigenze degli investitori che necessitano di una forma di diversificazione che va al di là dei semplici buoni postali o libretti di risparmio, e rappresentano, paragonati a questi ultimi, la vera forma di “investimento” in senso stretto, anche se ovviamente questo aspetto può sfuggire nel caso in cui ci si dovesse rivolgere al fondo monetario od all’obbligazionario a breve termine (‘popolato’ da obbligazioni che sono prossime alla scadenza con bassa duration, bassa volatilità e bassi rendimenti).

Quali fondi bancoposta scegliere?

La scelta dei fondi rappresenta un’operazione che necessita di un livello elevato di consulenza, capace di fruttare pienamente le potenzialità della diversificazione strategica nel proprio portafogli. Questo richiede una certa conoscenza delle caratteristiche principali dei fondi stessi.

Come scegliere quindi i fondi più adatti? Una domanda che va sempre posta, dal momento che anche il più abile consulente non può conoscere a fondo le reali esigenze dell’investitore. Ed anche se molto spesso la vendita delle quote dei fondi viene supportata dalla motivazione che il gestore del fondo stesso si è dimostrato abile (e che solo per questo è possibile ‘dormire sonni tranquilli’), è meglio non lasciarsi affascinare solo dalle ultime quotazioni dei fondi Bancoposta, ma dare un’occhiata allo storico della gestione, paragonando il benchmark che si è posto il gestore stesso così da valutarne il tipo di strategia ed efficienza di gestione.

In alcuni casi tuttavia questo tipo di valutazione non è possibile poiché il tipo di gestione non muove in via di partenza dalla determinazione del benchmark, che non può essere dedotto nemmeno dalla gestione stessa: un esempio è il fondo flessibile Fondo step di bancoposta. Tuttavia il guardare come unico parametro la sola volatilità media, può essere ingannevole.

Conclusioni sui fondi bancoposta

Da un prodotto collocato con estrema semplicità e facilità di accesso come quello dei fondi bancoposta, ci si dovrebbe attendere una trasparenza e una semplicità di reperimento delle informazioni, che purtroppo anche qui, come altrove, è molto carente.