Cartimpronta One, Classic, Business Prepaid, Debit Mastercard: quale conviene di più?

Cartaimpronta non è solamente una carta di credito o una prepagata. E’ un’intera gamma di soluzioni sotto forma di carte di pagamento, capaci di rispondere alle esigenze di molti. Ma anche di tutti?

Cartaimpronta di Bpm include le principali carte di pagamento messe a disposizione dal gruppo bancario sia per la sezione dei privati che per quella aziendale. All’interno della sua categoria troveremo:

  • Cartaimpronta debit Mastercard: un bancomat internazionale appoggiato su un conto corrente Bpm;
  • Cartaimpronta Business Prepaid: una carta prepagata ricaricabile dedicata alle aziende per controllare le spese dei collaboratori o dei dipendenti;
  • Cartaimpronta aziendale e corporate: serie di carte di credito dedicate a chi ha bisogno di posticipare i pagamenti per l’area business;
  • Cartaimpronta per privati: carta di credito disponibile a saldo, revolving, optional revolving, classic e Oro.

Caratteristiche principali e condizioni di suo

Data la natura profondamente differente dettata dalle varie tipologie di carta di debito o bancomat, carta di credito aziendale e non, e versione prepagata, riassumere con un pochi tratti l’essenza delle varie versioni della Cartaimpronta non offre l’utilità che deve accompagnare una recensione. Quindi vediamo brevemente le caratteristiche principali che caratterizzano ciascuna tipologia.

Versione Debit Mastercard: due versioni per la richiesta

La Cartaimpronta Debitcard Mastercard è una carta di debito internazionale. Usando il circuito Mastercard è accettata in tutto il mondo. Esiste la possibilità di richiesta a distanza oppure tramite filiale, ma necessita di un rapporto bancario Bpm sul quale appoggiarla.

Può essere usata per fare pagamenti, è abilitata a Mesterpass, può essere usata per prelevare, e ha la funzione contactless. Come costi e limiti troviamo:

  • plafond: la banca può accordare un importo mensile che va dai 2500 ai 10 mila euro;
  • prelievi: limite giornaliero max 750 euro;
  • pagamenti: max 2500 al giorno;
  • contatti per il blocco della card: numero verde 800 207 167 in Italia, +39 0432 744 106 dall’estero.

Versione Business Prepaid: prepagata nominativa aziendale

Può essere data ai dipendenti e collaboratori per semplificare la gestione delle spese nello svolgimento dell’attività, come quelle di rappresentanza, e la distribuzione di benefit.

  • Plafond: mensile 10 mila euro, annuale 50 mila euro;
  • prelievi: plafond disponibile ricaricato;
  • ricarica: max per operazione 20 mila euro;
  • prelievi limite: max 1000 euro al giorno.

Altri prodotti WeBank

Conto WeBank
WeBank mutuo
Prestito WeBank
Cartimpronta
Carta Jeans

Versione carta di credito Visa o Mastercard

La carta di credito Cartaimpronta può essere scelta su circuito Visa o Mastercard. le versioni Classic e Oro sono solo a saldo. In alternativa si può richiedere la versione dotata di funzione revolving pura oppure la optional revolving:

  • Cartaimpronta Classic:
    • plafond: fino a 5200 euro;
    • canone: 50 euro;
    • anticipo contante: 3% minimo 3 euro;
    • prelievo: max 300 euro al giorno
  • Cartaimpronta Gold Plus o Oro:
    • plafond: da 5200 fino a 30 mila euro;
    • canone: 130 euro;
    • anticipo contante: 3% minimo 3 euro;
    • prelievo: max 600 euro.

Conclusioni

La Cartaimpronta costituisce una linea completa di servizi di pagamento. La scelta dei vari prodotti va commisurata alle necessità specifiche, ma soprattutto per le carte di credito i costi risultano molto elevati.

Ad esempio la carta di credito Flexia di Unicredit, che riesce a coprire tutte le possibili opzioni previste dalle varie versioni della Cartaimpronta (essendo a saldo, revolving e optional revolving), con un plafond fino a 5000 euro per la versione standard (vedi anche Fido bancario), e tassi medio-bassi per il pagamento rateale, oltre che libertà di scelta totale sui rimborsi mensili, costa circa 15 euro di meno nella versione base, e oltre 50 euro di meno nella versione Cartaimpronta Oro.

Altri articoli: Guida alle carte revolving.

Ultimo aggiornamento: 13 febbraio, 2018