Inviare soldi in Russia: attenzione alle commissioni

Oggi come oggi inviare soldi in Russia non è un problema dal punto di vista operativo, ma bisogna fare molta attenzione ai costi. Infatti se da una parte si hanno possibilità che spaziano dall’uso del classico bonifico bancario, all’impiego di un money transfer, per passare per un classico e-wallet come ad esempio Paypal o Neteller, le commissioni che si dovranno affrontare e gli effetti del tasso di cambio applicato sono più che considerevoli.

Proponiamo per questo alcuni esempi calcolati il 4 ottobre 2017, valutando le condizioni proposte e gli effetti anche sul tasso di cambio applicato.

Bonifico bancario

Se scegliamo di effettuare un bonifico bancario, ad esempio dal nostro conto corrente a un conto di una banca russa, è sufficiente conoscere oltre all’Iban anche il codice swift del conto di destinazione. Di contro i costi sono generalmente piuttosto elevati. Ciò accade perché oltre alla commissione applicata dalla banca italiana (differente tra l’altro rispetto ad un bonifico della zona Sepa), sarà prevista anche la commissione della banca di destinazione ed eventualmente il tasso di cambio. Per conoscere esattamente i costi di un bonifico verso la Russia si dovrà consultare il foglio informativo del proprio conto e informarsi presso una filiale per vedere se ci sono accordi con qualche banca russa (improbabile ma non impossibile).

Wallet online

Quando decidiamo di usare un e-wallet per inviare soldi in Russia possiamo trovarci di fronte ad alcune variabili. Nel caso di Paypal, ad esempio, lo scambio tra familiari ed amici prevede una ‘tassa di pagamento’ pari allo 0,5% se la transazione viene eseguita direttamente dal conto online. Se si usa una carta collegata al conto Paypal la commissione sarà invece del 3,90% + 10.00 Rub (fissi). L’esempio è riferito logicamente ad un trasferimento di denaro dall’Italia (o da un paese della zona Europa 1, Usa o Canada) ed è basato sui dati ufficiali del sito Paypal allo 04/10/2017.

Neteller applica invece una commissione di cambio del 3,99% a cui bisogna aggiungere le commissioni di deposito, mentre Skrill punta all’1,9% con una commissione massima di 20 euro (rilevazioni sui siti ufficiali al 4 ottobre 2017).

Mandare i soldi con i Money Transfer

Il mercato dei money transfers è in evoluzione ed oggi la maggior parte permette di fare l’invio comodamente online. Ovviamente bisogna fare grande attenzione alle commissioni ed ai tassi di cambio applicati. In alcuni casi si può decidere di far avere l’accredito in euro anziché in rubli, od ancora in dollari. E’ consigliato quindi controllare, anche tramite i tool on line di calcolo quale è l’eventuale tasso di cambio più vantaggioso applicato in quel momento. Vediamo alcune simulazioni effettuate il 4 ottobre 2017.

Western Union


Western Union permette di usare sia l’invio on line (creazione dell’account con semplice registrazione e completamente gratis) che andare da un agente. E’ interessante il sistema di sconti collegato a My Wu, che permette di avere dei benefit in base ai punti raccolti tramite gli invii (utile se si usa con una certa assiduità). Per quanto riguarda la commissione invece bisogna fare attenzione al metodo che si intende usare in quanto le carte di pagamento scontano commissioni piuttosto elevate come si vede dall’esempio riportato in immagine.

Data rilevazione 4/10/2017 – Fone: Sito Western Union.

SmallWorld

Questo money transfer offre la possibilità di invio attraverso un bonifico bancario oppure con carta di credito o di debito.

Data rilevazione 4/10/2017 – Fone: Sito SmallWord.

Azimo

Il sistema permette di effettuare trasferimenti online, con registrazione al sito gratuita. La commissione applicata è da 2,99 euro.

Data rilevazione 4/10/2017 – Fone: Sito Azimo.

Transferwise

Il sistema che viene utilizzato da Transferwise permette di ottenere generalmente un tasso di cambio più favorevole di altri money tranfers mentre la commissione rimane in linea con quelle applicate da altre società.

Data rilevazione 4/10/2017 – Fone: Sito Transferwise.

Moneygram

E’ possibile fare il trasferimento solo tramite agente oppure presso un ufficio postale vista la convenzione che è attiva già da qualche tempo. Il sistema on line non permette di effettuare la simulazione in rubli, ma come si può vedere anche senza cambio mandare soldi in russia prevede una commissione piuttosto elevata.

Data rilevazione 4/10/2017 – Fone: Sito Moneygram.

Conclusioni

In modo puramente indicativo e considerato che tutte le simulazioni sono state fatte al 4 ottobre 2017, ricapitoliamo la situazione così come deriva dai calcoli partendo dai metodi legati ai Money Transfer, con un trasferimento di 200 euro convertiti in rubli:

  • Western Union: rubli 12667,63 con un costo di 4,90 euro da bonifico o Sofort mentre con carta di credito o di debito 22,5 euro;
  • Smallworld: rubli 13253,33 rubli con commissione di 3,99 euro;
  • Transferwise: 13,390,74 rubli con commissione di 2,99 euro;
  • Azimo: 12989,69 con commissione di 2,99 euro.

Moneygram ci permette di fare il cambio in dollari oppure invio di euro su euro, ma con una commissione di 22 euro. Ovviamente oltre i costi ed al cambio vanno considerati anche i tempi che i vari metodi offrono.