Tinaba: cos’è e come funzione

I pagamenti stanno diventando sempre più veloci, grazie all’affermazione dei Digital Wallet. Nello specifico di quest’articolo parliamo di Tinaba che è nella sostanza una app ma che sfrutta e offre proprio i servizi dei wallet (approfondimento: Mobile wallet). Il servizio è stato sviluppato da Sator (una Spa precedentemente specializzata negli investimenti a medio/lungo termine) insieme alla collaborazione con Banca Profilo.

Ma di che cosa si tratta da un punto di vista pratico? Per capirlo dobbiamo partire dalla definizione che è stata data dai suoi stessi ideatori e creatori che l’hanno definita come “ecosistema digitale” che permette quindi di usufruire di un’ampia serie di servizi .

Sicurezza

I livelli di sicurezza dell’app risultano elevati sfruttando un sistema di riconoscimento con password collegabile nei device abilitati al ‘Fingerprint’ o ‘Touch Id’. Per autorizzare molte delle funzioni offerte è inoltre necessario utilizzare un apposito Pin.

Più in generale la ‘presenza’ di Banca Profilo offre ulteriori garanzie trattandosi di una banca con un Cet1 pari al 26%, circa il doppio della media nazionale del 12,3% (mentre il minimo previsto è 10,9%) .

Data rilevazione: 9/05/2018 – Fonte: sito ufficiale Banca Profilo

Servizi e costi accessibili

Una degli aspetti interessanti tanto per gli esercenti che l’accettano per ricevere i pagamenti (ad esempio in Italia troviamo IP) che per chi ne fa uso è quello della gratuità. Come è ben specificato in ogni parte del sito dalla registrazione, al download dell’app fino all’uso, l’aspetto gratuito non viene mai meno e non ci sono delle condizioni specifiche da rispettare per ottenere questo vantaggio.

Trasferimento e pagamenti in tempo reale

Se si vuole usare Tinaba app per scambiare denaro si deve entrare nella funzione dei trasferimenti e quindi selezionare quale dei contatti presenti sul telefono sarà il destinatario del trasferimento. Quindi si inserisce l’importo da trasferire e si dà la conferma. Nella stessa sezione è presente anche la funzione di monitoraggio delle operazioni effettuate su pagamenti e trasferimenti.

Conti condivisi e pagamenti con quote

Tra le varie funzioni c’è anche quella che permette di creare dei conti finalizzati a scopi specifici. Per evitare di creare confusione tra più conti, basta nominarli con il tipo di “scopo” che ne ha portato alla creazione. Come riportato nella foto ad esempio “Compleanno di Marco, oppure Festa della Mamma, ecc”. Una volta creato il conto, si dovrà scegliere la quota di partecipazione e lo si dovrà condividere con tutti coloro che si vogliono invitare a dare il proprio contributo. Non esiste un tetto massimo per raccogliere la somma, ma se una volta fatto l’acquisto rimane una somma residua questa viene ridivisa e restituita per quota tra tutti i partecipanti.

Il conto condiviso che non prevede il pagamento immediato. Detto questo esiste una funzione che permette di effettuare immediatamente un pagamento, suddividendone il costo per quota. Per farlo si deve sfruttare l’impiego di un QRcode appositamente generato: condividendo il QRcode ogni partecipante pagherà direttamente la propria quota. Il calcolo, la generazione del QRcode e l’esecuzione del pagamento viene fatta direttamente dall’app. Inoltre il sistema provvede a monitorare i pagamenti così da aggiornare l’importo residuo al saldo.

Salvadanaio per i proprio progetti

Infine c’è la funzione dedicata direttamente all’utilizzatore per permettere di accantonare i soldi da usare per realizzare un sogno o un progetto. Ad esempio: si vuole organizzare un week end con un certo anticipo ma non si hanno ancora i soldi? Basterà stabilire una ‘cifra obiettivo’ per un progetto e poi spostare le somme che si vogliono accantonare senza limiti specifici, fino al raggiungimento dell’obiettivo che ci si è dati. Condividendo il conto per il progetto si dà la possibilità a chi lo desidera di contribuire al raggiungimento del target preimpostato, che dovrà essere raggiunto entro la data inserita.

Questo sistema può essere utilizzato per fare una raccolta fondi, proporre un’alternativa a una lista matrimoni, per un regalo di compleanno realmente desiderato, ecc.

(Fonte sito ufficiale Tinaba – Data: 11 maggio 2018)

Non solo app ma anche carta

Il limite di alcuni digital wallet è legato alla natura esclusivamente digitale, che può costituire un grande limite per poter fare acquisti in tutta libertà. Con Tinaba non c’è questo rischio poiché con l’apertura del proprio account si ha contestualmente l’emissione di una carta ricaricabile prepagata fisica che viene spedita all’indirizzo inserito nella registrazione. La carta è collegata all’app che ne permette una completa gestione, provvedendo a ricaricarla con le somme che si ritengono opportune.

Costi e tecnologia

La carta Tinaba viene inviata e emessa gratis. Non ha un canone mensile o annuale. I costi per i pagamenti non sono previsti mentre per i prelievi su ATM si parte da 2 euro. La ricarica va fatta tramite app con dei semplici trasferimenti da wallet a carta. La tecnologia sfrutta anche quella contactless che offre una maggiore sicurezza senza contatto fisico, mentre per i pagamenti on line è consigliato attivare il servizio 3D secure code (trattandosi di una carta Nexi emessa da Banca Profilo ed emessa da Tinaba Srl).

Fonte sito ufficiale Tinaba – Data: 11 maggio 2018.

Guida alla registrazione

Il primo requisito da avere è uno smartphone con sistema operativo:

  • Android pari ad almeno 4.4;
  • Ios: con sistema da 8.0.

Quindi una volta accertata la compatibilità con il proprio sistema operativo si deve scaricare l’app dal proprio store. Una volta ultimato il download e l’installazione si fa partire l’app, per passare alla registrazione.

Questa è semplice e richiede solo la compilazione degli spazi obbligatori con: dati personali, indirizzo di residenza e contatti preferenziali. Quando richiesti vanno inseriti i codici necessari che sono:

  • 1) Codice di verifica “numero”, che è composto da 6 cifre. Il codice viene generato da Tinaba ed è inviato tramite sms (necessario nella fase di registrazione);
  • 2) Codice Invito: da inserire se ci sono promozioni attive per sfruttare la registrazione su un invito di un altro utente Tinaba (non è comunque obbligatorio);
  • 3) Codice di accesso: questo codice è composto da 5 cifre e deve essere creato personalmente.

Verranno richiesti anche i documenti che attestano l’identità della persona che si registra. Questi possono essere inviati anche con una foto (fronte e retro). Documenti accettati sono la carta di identità ed il passaporto. Infine bisogna confermare la registrazione tramite e-mail: si dovrà solo cliccare sul link contenuto nella e-mail.

Dopo la conferma/autenticazione, il conto Tinaba è già attivo ed utilizzabile. L’età minima per la registrazione è di 12 anni.

Plafond e massimali

Il conto digitale aperto con Tinaba è automaticamente di Level B, che ha come limiti quelli riportati nella tabella di seguito. Di fianco riportiamo i limiti del Level A ma per poter cambiare livello bisogna aprire un conto a pagamento con Banca Profilo:

Level BLevel A
Ricarica massima per giorno999€non ci sono limiti
Limite pagamenti in uscita per singola operazione150€2.000€
Limite al dì dei pagamenti in uscita250€5000€
Limite rimborso massimo999€non previsto
Importo massimo ricarica annuale2500€non previsto

Fonte sito ufficiale Tinaba – Data: 8-5-2018

Approfondimento: Portafoglio elettrico.

Bonus e promozioni

In fase di registrazione si può sfruttare il Welcome Bonus (soggetto a ritiro una volta raggiunto il montepremi stanziato). A questo si affiancano vari altri bonus con carattere temporale. Effettivamente all’11 maggio la sezione delle promozioni è piuttosto lunga.

Ad esempio, vista la collaborazione con IP, troviamo la promozione che al raggiungimento di 100 euro di rifornimento presso le Pompe IP permette di avere 10 euro di riaccredito/sconto.

Fonte sito ufficiale Tinaba – Data: 11-5-2018

Come si può vedere dai regolamenti presenti alla pagina suddetta la maggior parte delle promo è cumulabile fra loro con un tetto massimo fissato a 500 euro nel corso del tempo.

Cerca negozi

Per trovare i negozi con convenzioni, nel caso di IP è possibile anche sfruttare un servizio di prenotazione alla pompa più comoda indicando l’importo del rifornimento e pagandolo con app.