Conviene fare trading con Conto Arancio?

Spese fisse annuali
Spese apertura e chiusura
Spese annuali strumenti avanzati
Piattaforma
Piattaforma mobile
Forex
Tasso interesse Titoli
Commissioni variabili per operazione
Commissioni fisse
Strumenti finanziari
zero
zero
10 euro annui con book a 5 livelli
Sole 24 ore
No
Non previsto
0,19% (min 8 euro, max 18 euro)
sì, da un max di 8 euro a un minimo di 6 euro a seconda del numero di operazioni
azioni, obbligazioni, titoli di stato, Etf

Ultimo aggiornamento: 7 aprile, 2016

Ing Direct già da un paio di anni ha introdotto la possibilità di fare trading online, scegliendo di collegare il servizio o al Conto Arancio (ovvero il conto deposito), o al Conto Corrente Arancio. E’ possibile partire da questo per ottenere maggiori rendimenti sul Conto Deposito Arancio, e per usufruire anche di sconti sulle commissioni previste per il trading online.


Riepilogo condizioni

BancaIng Direct
Nome ContoConto Arancio Trading
Spese attivazione contoZero
Commissionida 6 euro
Numero verde848 58 58 20


Conto Arancio trading: il vantaggio di zero spese fisse

Per quanto riguarda i costi collegati al conto di deposito titoli (obbligatorio per poter fare trading) questi sono legati esclusivamente all’imposta di bollo, in quanto con Ing Direct non è prevista nessuna commissione né di apertura e né di chiusura, e nessun canone mensile o annuale per la tenuta del conto deposito, e ciò sia nel caso in cui ci siano strumenti finanziari su di esso che questi sia attivo ma momentaneamente vuoto.

Non ci sono spese nemmeno per gli estratti conto o l’invio di comunicazioni (anche in formato cartaceo e non solo online), ed è gratis anche il servizio di sms o e-mail alert che possono essere attivati anche per fare trading attraverso la piattaforma mobile.

E’ possibile scegliere sia il regime amministrato che dichiarativo a livello di tassazione, una scelta che dipende esclusivamente dalle preferenze dei titolari dei conti correnti, e che va comunicata al momento dell’apertura (o si passa in automatico al regime amministrato).

Dal punto di vista delle spese fisse quindi non si può che dare un giudizio complessivamente positivo alla piattaforma di trading, che consente un buon risparmio rispetto ai costi mediamente presenti sul mercato. L’unico costo ricollegabile a un canone annuo è di 10 euro, e si deve sostenere solo se si richiede l’attivazione del book a 5 livelli, per un trading più professionale.

Commissioni variabili o fisse: ancora al di sotto della media di mercato

Plus500

Le commissioni ‘base’ sono variabili, e pari allo 0,19% (con un importo minimo addebitato pari a 8 euro, e massimo pari a 18 euro). Se ci si fermasse a questo dato la piattaforma di trading di Ing Direct non sarebbe affatto vantaggiosa dal punto di vista del risparmio, ma per coloro che raggiungono un buon numero di operazioni di trading nel corso dell’anno, l’aspetto economico viene ampiamente recuperato con il passaggio alle commissioni fisse.

Infatti coloro che supereranno le 15 operazioni di trading (fino a 15 valgono le commissioni variabili) e fino a 50, avranno l’applicazione di una commissione fissa di 8 euro. Se si sale da 51 operazioni a 100 la commissione scende a 7 euro, e se si sale oltre le 100 operazioni si scende ulteriormente a 6 euro. Ovviamente con meno operazioni si ha ugualmente convenienza a seconda degli importi che sono alla base delle richieste di trading.

Gli aspetti negativi dei costi della piattaforma: ottima se utilizzata esclusivamente online

Come spesso accade con le funzioni online bisogna avere le idee molto chiare prima di scegliere la piattaforma. Nel caso di Ing Direct il trading mantiene la sua convenienza se viene effettuato veramente (ed esclusivamente) online, ovvero se non ci si avvale del call center, perché in tal caso si dovrà sborsare un costo di 5 euro per ciascuna richiesta.

Non conviene nemmeno effettuare richieste dei documenti, a meno di situazioni eccezionali, perché i costi variano da un minimo di 5 euro a un massimo di 10 euro per richiesta.

Tipi di ordini accettati e sicurezza

Partendo dai Pct, all’acquisto o vendita di azioni, obbligazioni o Titoli di stato, la piattaforma di trading online, e sia nel caso sia collegata al Conto corrente arancio che al Conto deposito Arancio, offre una estrema ampiezza di scelta in quanto comprende anche il trading negli Etf (anche strutturati).

La piattaforma è strutturata in modo tale da garantire una scelta abbastanza semplice, così da uniformarsi alle conoscenze dei vari traders. Il livello di sicurezza replica gli stessi standard previsti per i conti correnti, con tre livelli di sicurezza.