Veloci, a tasso zero o per ristrutturazione: guida alla linea prestiti CreditExpress Unicredit

Il primo gruppo bancario in Italia, Unicredit Banca, non poteva che confermarsi come una delle più prolifiche anche sul fronte delle offerte dei prestiti personali e finalizzati, pensati per offrire dei reali vantaggi che andassero a impreziosire i conti correnti che ha da offrire e che aggiorna costantemente in base alle tendenze del mercato.

Per i privati la linea più ricca di alternative è quella accomunata dal nome CreditExpress. Questa, grazie anche alle versioni Quick per gli acquisti su Subito Banca Store (a tasso zero e spese di spedizione comprese!) e dell’assicurazione auto a rate, prevede ampia scelta di importo per un classico prestito immediato, fino alle varianti che arrivano a cifre sensibilmente maggiori, e impieghi che possono rientrare nell’ambito dei prestiti personali.

Finanziamenti per i giovani anche senza busta paga, o a tasso zero e da App

La versione CreditExpress Easy, dedicata in modo non esclusivo ai più giovani, è l’ultima nata in casa del grande gruppo bancario. Questo non solo rappresenta tra i prestiti Unicredit la tipologia più smart che si possa ottenere, superando per velocità il classico prestito online, ma è l’unico che ad oggi possa essere definito “istantaneo” guardando all’offerta di ogni altra banca italiana e non. Infatti è richiedibile tramite l’uso dell’app, con un semplicissimo click ed erogazione in tempo reale.

In tutti i casi c’è anche da sottolineare un’attenzione particolare dedicata proprio ai giovani, con prodotti ad hoc (come il CreditExpress Giovani), e soprattutto un’immediata apertura ai “figli” della job act (che ha fatto il suo debutto nel 2015). A livello di requisiti è sufficiente un reddito dimostrabile (senza una busta paga di vecchio stampo si hanno le stesse chance), e un rapporto rata reddito considerato soddisfacente, per ottenere le somme di cui si ha bisogno.

Per i tassi non mancano condizioni interessanti, soprattutto grazie a una buona, e quasi permanente, campagna promozionale fino al tasso zero della CreditExpress Quick.

Tipologie di finanziamento: da quello veloce a quello per ristrutturazioni

Il nome CreditExpress racchiude quindi varie possibilità, che vanno dall’ottenimento di somme che rientrano nel piccolo prestito, a quelle molto più elevate necessarie per fare lavori di miglioramento dell’efficienza energetica e ristrutturazioni in generale. Si potrà quindi optare per le versioni:

  • Easy: è in senso cronologico l’ultimo arrivato e, come detto, quello che batte tutti gli altri per rapidità di concessione, oltre che al vantaggio di un tasso dedicato. Si tratta di una formula innovativa. La somma ottenibile è tra i 1000 e i 5000 euro;
  • Dynamic: da 3000 a 30000 euro, il più classico dei prestiti personali. Con questo Unicredit va incontro alle esigenze della maggioranza dei potenziali richiedenti, con possibilità di spingere il piano di rateizzazione fino a 7 anni. Si possono scegliere tre opzioni che permettono di rendere la gestione dei rimborsi molto flessibile, a partire dal “ricarica prestito”, il salta rata e il cambio rata;
  • Compact: il prestito di consolidamento, che permette di ottenere da 3000 a 50000 euro, per compattare tutte le rate di finanziamenti in essere in una sola, ed eventualmente richiedere anche nuova liquidità;
  • Top: per chi ha bisogno di un prestito personale che eccede le somme medie altrimenti proposte, partendo da 31000 ai 75000 euro, con attenzione alla fascia di clientela con esigenze di liquidità maggiore senza dover dare comunque giustificazioni;

Da sottolineare la comodità di poter rimborsare le rate della maggioranza dei prestiti di Unicredit Banca tramite addebito sulla Genius card.

Data rilevazione: 08/04/2019 – Fonte: sito UniCredit

CreditExpress Easy: facile e immediato a portata di click

I requisiti per ottenere questo prestito davvero immediato sono pochissimi: avere una prevalutazione positiva, aver scaricato l’App sul proprio smartphone (compatibile con iOs da 8.0 e con Apple watch, e Android dalla versione del sistema operativo da 4.1) e un conto corrente da almeno 6 mesi.

Come fare a richiedere il prestito Easy? Semplicissimo: entrare nell’App, andare su richiedi prestito, indicare la somma che si desidera (tra 1000 e 5000 euro) e fare il touch per la simulazione delle condizioni del finanziamento (importo della rata in funzione della durata scelta che va da 12 a 36 mesi). Se si desidera proseguire basta cliccare su “richiedi”.

I tempi per ottenere la somma richiesta? Immediato! Qui risiede la vera particolarità di questo tipo di prestito, poiché grazie alla pre valutazione, già si conosce la fattibilità e le condizioni applicate saranno sempre le stesse, grazie al tasso fisso agevolato e dedicato proprio per questo tipo di finanziamento da “App”.

Conclusioni

Per alcuni è un valore aggiunto, per altri può essere una piccola noia, l’impossibilità di ottenere una “simulazione” di un preventivo online. Effettivamente questa quindi è l’unica pecca che si può imputare ad un parterre di tutto rispetto come quello precedentemente accennato. Si tratta di una questione che riguarda però solo i non clienti, perché l’internet banking di Unicredit, per i propri clienti (accessibile quindi anche ai titolari di Genius Card), presenta una sezione in cui è possibile richiedere e calcolare online un preventivo ufficiale, e senza alcun impegno.

Inoltre non costituisce un reale limite nemmeno per i non clienti, poiché sul sito sono comunque proposti tantissimi esempi con indicazioni chiare e trasparenti sui tassi applicati e costi eventualmente da sostenere. Non tralasciando il vantaggio di poter prenotare da casa un appuntamento nella filiale più vicina così da poter trovare un esperto dedicato senza dover fare i conti con il fastidio di lunghe file o tempi incerti di valutazione.

Se si ha bisogno di informazioni specifiche o generali c’è sempre il numero verde disponibile all’ 800.57.57.57 che può essere chiamato da fisso o cellulare.

Data rilevazione: 08/04/2019 – Fonte: sito UniCredit

Ultimo aggiornamento: 8 aprile, 2019