BuddyBank: cos’è e come funziona la banca del futuro di Unicredit

Gestire comodamente i propri servizi bancari da smartphone è oramai un azione comune ai più. Ma una banca esclusivamente ‘in mobilità’ rappresenta un vero e proprio salto nel futuro. Baddybank: la banca ‘nello smartphone’ di Unicredit.

Il successo delle app “finanziarie” ha spinto praticamente ogni banca dotata di un servizio di internet banking (anche essenziale), a fornire delle applicazioni che permettano la gestione dei vari servizi bancari tramite il proprio device (soprattutto Android e iOs con buona prospettiva di una crescita per Windows Phone). Unicredit con la sua BuddyBank punta invece a creare una banca mobile al 100%.

Come funziona?

Al futuro prossimo è rimandato qualsiasi giudizio su quello che è partito con un annuncio molto ben promettente. Infatti la Buddy Bank sarà operativa a partire dal 2017, a causa dei tempi necessari per ottenere il via libera dagli organi di vigilanza. Intanto l’ideatore, Angelo D’Alessandro, ha reso noti sia gli obiettivi che i prodotti e servizi che si potranno ottenere. Il servizio di base sarà costituito dal conto corrente, arricchito dalla possibilità di fare trading, potendo ispirarsi anche ai segnali dei traders di maggior successo (vedi anche Commissioni trading online ), e dai più comuni metodi di pagamento come carta di credito e bancomat. In aggiunta ci sarà la possibilità di poter sottoscrivere i prestiti personali.

buddybank-unicredit2

Tutti i servizi sono stati pensati per essere completamente digitalizzati e grazie a tecniche di riconoscimento specifiche, gli operatori riusciranno a riconoscere univocamente i titolari del rapporto offrendo una consulenza rapida e sicura. In aggiunta a tutto questo ci sarà il servizio di concierge, che verrà svolto via chat, e che sarà disponibile 24 ore al giorno, senza alcuna limitazione (7 giorni su 7). Si tratta in questo caso di un servizio che permetterà di fare prenotazioni con partner, così da lasciare i propri clienti completamente senza pensieri (vedi anche Come riconoscere le banche a rischio ).

Non solo in Italia ma in tutto il mondo

Per raggiungere l’obiettivo molto ambizioso di 1 milione di clienti in 5 anni, molto probabilmente BuddyBank sarà esportata anche negli altri Paesi della Ue, in Usa, Africa Asia. Intanto però sarà l’Italia il trampolino di lancio, visto il grande amore che gli italiani nutrono nei confronti della tecnologia. Parallelamente si sta pensando anche all’aumento del numero dei dipendenti, per cui la sezione “lavora con noi” è destinataria di estrema attenzione, e per alcuni potrà costituire un’ottima occasione di trovare o cambiare l’attuale impiego.